New York


Oltre la città

Alzo gli occhi al cielo e mi sento piccola. Immensamente piccola di fronte questo incredibile e monumentale formicaio umano dove anche la luce, sotto ogni sua forma, penetra in profondità, in ogni angolo, in ogni strada, in ogni finestra e come il vento trasporta odori e storie che solo una macchina fotografica sa cogliere. New York è lo studio fotografico più grande al mondo. Nella sua luce trovo la mia luce. Proprio così. Viaggiare significa trovare se stessi e fotografare significa ricordare.

Scarpe comode, zainetto e macchina fotografica…e mi lascio trasportare dalla marea umana. Non ho programmi né scadenze. Solo voglia di esistere. Ecco la parola d’ordine: esistenza. Ciò che pubblico in questo sito sono momenti passati che non torneranno mai più. Il count down della mia esistenza avanza inesorabilmente e vado a New York per sentire che esisto. Proprio a New York…dove il cielo spesso non serve e resta sospeso lassù, oltre le cime dei grattacieli. A New York certe risposte vengono solo dal basso. On the road.

New York non è solo un viaggio urbano. Ma anche di luce.

La luce rimbalza dentro e fuori le strade. La luce non ti molla mai.

I love NY

Il colore come emozione, energia, sogno.
Luce, colore, emozione … Del colore ne ho fatto uno stile di vita, le gradazioni e le sfumature cromatiche sono come rintocchi musicali, impronte che lasciano una traccia del mio percorso … il colore ha una voce potente che riesce a vibrare e a far vibrare la nostra psiche, la nostra parte spirituale che non possiamo ignorare o dimenticare …

La mia ricerca parte dall’essenza del reale per ritornare alla forma originale dell’oggetto fotografato. Fotografo l’idea di qualcosa che è solo nella mia mente, un paesaggio inesistente che si concretizza nell’immagine. Diventa così immagine di un‘immagine. Realtà che diventa irreale, figura che diventa non-figura e viceversa. Accade l’alchimia: la trasformazione dell’oggetto che riscopre la sua parte ‘velata’ e la rappresenta.

Quello che cerco  attraverso il linguaggio dell’immagine è stimolare la fantasia dello spettatore evocando alla memoria sensazioni, percezioni, suggestioni.  Le immagini fotografiche sono figure fantastiche di un mondo inventato che prendono corpo come presenze oniriche e magiche, nelle quali ognuno può dare voce alla propria anima.

Fotografare New York è un viaggio da una parte all’altra dell’inconscio, quasi una meditazione, … l’immagine mi cattura, mi trascina e mi trasporta con sé e io mi lascio fare…






Recent Portfolios